Vai al contenuto

QCS Military Life 2019

Entra anche tu nel nostro server Military Life!

La community

Entra a far parte della nostra community

Un nemico incredibilmente forte

I Blackdoth sono un esercito privato pieno di misteri e incognite.

Sviluppo

Segui lo sviluppo del server sul nostro trello

Mr.Max

Operazione Defender

Recommended Posts

Inviato (modificato)

RAPPORTO MISSIONE

UOMINI PRESENTI

30

FORZE ALLEATE

America

FORZE OSTILI

BlackDoth + possibili cinesi

UOMINI PERSI

0

SQUADRE PRESENTI SUL CAMPO

Posto Di blocco (TL: Stifler)

USS Sims (TL: Nimitz)

Navy Seals (TL: Casoni)

 

RAPPORTO

Il giorno 02/11/18 alle ore 20:30, gli ufficiali sono stati messi in sicurezza a causa della minaccia di forze nemiche nei pressi della base operativa.

Gli ufficiali, sono stati messi sotto stretta sorveglianza dai Navy Seals, Marina, e alcuni soldati facenti parte del corpo dei Marines, sulla USS Sims situata all'largo di Kamyshovo.

La nave, comandata dal Sec. Tenente Cheste Nimitz dopo essere stata sotto sicurezza, è passata in stato di allerta DEFCON 4.

I Marines sono partiti da base operativa situata a Elektrozavdsk, prendendo posizione sulla statale tra Kamyshovo e Solnichny ,per garantire sicurezza alla USS Sims, ad evitare penetrazioni di forze ostili sul confine.

Dopo tentate incursioni da parte di operatori BlackDoth il comando operativo ritiene la USS Sims non sicura e attua il piano Defender.

PIANO DEFENDER

Il piano prevede, CON MASSIMA RISERVATEZZA, lo scambio di indumenti tra il Caporale (nome in codice Preacher) e il Maggiore Tom Chandler.

Partenza da USS Sims con velivolo UH-60 con a bordo il finto Maggiore e membri del corpo dei Marines più operatori della marina, obbiettivo di quest' ultimi è ingannare e attrarre possibili nemici verso la centrale elettrica di Elektrozavdsk, per garantire l'incolumità del Maggiore.

Subito attacco da parte di incursori BlackDoth alla centrale elettrica,si riporta estrazione parzialmente riuscita del vip più ufficiale in comando.

Riportati due feriti:

 Sol. Baker, Matricola 074626, ferite multiple a gambe-torace procurate da armi da fuoco, calibro 7.62 mm

Sol. Scatarro, Matricola 096367, ferite multiple a testa-gambe-braccia-torace,procurate da armi da fuoco, calibro 7.62 mm.

Tentativo di seconda estrazione FALLITO.

Unico operatore rimasto in campo Primo Caporale William Foster, nome in codice Mother, Matricola 054521

Si riportano atti di eroismo verso commilitoni feriti mettendo la sua vita a repentaglio per mettere in sicurezza la vita dei propri compagni, barricato dentro una stanza,in attesa della squadra di soccorso. Abbattuto contatto CINESE

Tramite contatto radio, con l'operatore Mother, abbandona posizione posto di blocco, dirigendosi di volata alla centrale elettrica.

Nel frattempo il Maggiore veniva scortato e messo in sicurezza all'interno del bunker situato nei pressi del area ufficiali, ricevuta e copiata richiesta di soccorso, su frequenza radio 30, mobilitata squadra a bordo di MRAP

Aviatore facente parte del copro della Marina degli Stati Uniti D'America, Jack Thompson, nome in codice Max, Matricola 085426

viene incaricato di missione di fuoco prioritario, presso centrale elettrica.

Navy Seals raggiungono centrale elettrica mettendo al sicuro l'area e individuando l'operatore Mother insieme ai due operatori perfettamente stabilizzati, caricati su MRAP, portati presso area medica, e curati completamente (prognosi due giorni di recupero).

La missione attuata con il piano Defender si può definire un successo tattico militare da parte di tutto il comando in capo e degli operatori presenti in campo

 

RAPPORTO MISSIONE REALIZZATO DA WILLIAM FOSTER "MOTHER"-JACK THOMPSON "MAX"

Immagine eroica di Mother:

download.png.878d6658ce749722da02df494d98da42.png

Modificato da Mr.Max

Share this post


Link to post
Share on other sites

×